Fiere dell’orientamento: spunti di riflessione e consigli

Cosa fare prima di una fiera di orientamento scolastico, cosa fare durante, e cosa non fare nè prima nè dopo.

consigli salone studente
Vota questo post

Il filone dedicato alle varie fiere dell’orientamento scolastico continua oggi con un post dedicato a cosa fare e cosa non fare.

Cosa fare prima di una fiera:

  • creare del materiale informativo ad hoc
  • decidere il materiale da portare in modo organico e non separato dal resto delle iniziative della scuola
  • pensare ad un modo originale per differenziarsi dagli altri e attirare studenti
  • studiare eventuali scenografie e grafiche
  • preparare adeguatamente il personale che presiederà lo stand
  • pensare ad un modo per recuperare dati utili da studenti e professori

Cosa non fare:

  • sottostimare la quantità di materiale necessario: meglio riportare indietro che rimanere senza
  • affidare la comunicazione a persone non adatte a parlare con gli studenti: meglio uno stand vuoto che uno stand antipatico!
  • dimenticare il materiale di cartoleria (forbici, taglierini, penne, puntine, scotch, colla ecc..)

Cose da fare durante la fiera:2013_03_19_Salone-dello-Studente

  • Dividere il materiale a disposizione per fasce orarie e giorni
  • Essere sempre disponibili a dare informazioni (sembra ovvio ma non sempre lo è)
  • Cercare di parlare con i gruppi facendo leva sui più interessati
  • Dedicare più tempo agli studenti che manifestano un reale interesse
  • Se si hanno dei gadget di valore cercare di darli solo a chi si ferma a parlare, magari in cambio di qualcosa (iscrizione newsletter, dati per essere ricontattati, etc etc)
  • Fare un giro di ricognizione per avere un’idea di cosa offrono gli altri stand
  • Coltivare rapporti di buon vicinato con gli stand adiacenti (buona norma in generale e poi c’è sempre la probabilità che vi salti fuori qualche problema dell’ultimo momento che magari i vicini possono contribuire a risolvere)
  • Tutto il team deve essere proattivo (in questo caso specifico significa non aspettare che arrivi lo studente a chiedere informazioni ma chiedere e stimolare il dialogo)
  • Tenere costantemente d’occhio il magazzino sia per tenere sotto controllo il consumo di materiale, sia per evitare che qualcuno entri e si porti via uno scatolone (ebbene si, succede anche questo)

Cose da non fare:

  • dare via il materiale “strategico” senza criterio (dandolo a chiunque e rischiando di rimanere senza)
  • dedicare troppo tempo a un gruppo solo di persone
  • lasciare lo stand incustodito (anche per pochi minuti, non sapete di cosa sono capaci i ragazzi)
  • se si ha un gadget “attira masse” evitare che tutta la concentrazione del team vada sprecata nella distribuzione ai ragazzi (e nel tenerli a bada)

Edoardo Bianchi

Consulente Senior e fondatore di Education Marketing Italia. Quando lavoro con le persone mi occupo di Design Thinking, UX e progettazione strategica. Quando siamo io e lo schermo mi occupo di UX Design, content e copywriting.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Host Consulting srl - Via F.lli Recchi, 7 22100 Como - P.IVA 01434150197 | © 2022 | Privacy Policy - Cookies Policy
expand_less