Voce agli ITS: l’esperienza al TAM di Biella e Valenza

Come arrivano i ragazzi oggi a conoscere gli ITS, con quali idee? Cosa gli ITS si aspettano da questa riforma e quali sono i loro reali bisogni? Intervista a Elena e Paola di TAM

5/5 - (2 votes)

8,5 studenti su 10 trovano lavoro entro un anno dal conseguimento del diploma e, tra questi, più almeno 9 su 10 lo trovano in un campo correlato al loro percorso di studio.

Davvero? Sembra incredibile. Eppure, questi sono i numeri secondo l’ultimo monitoraggio dell’Indire sui diplomati degli ITS, gli Istituti Tecnici Superiori, scuole di formazione post diploma.

Il mondo degli ITS è tutto sommato ancora poco conosciuto ma ultimamente se ne sente parlare sempre più spesso, in particolare, dopo l’annuncio nell’autunno del 2023 dell’approvazione di uno dei decreti attuativi più importanti della riforma degli ITS (Legge 15 luglio 2022, n. 99).

Se ancora non hai ben presente quale sia l’offerta formativa post diploma riconosciuta dal ministero dell’istruzione italiano (ci sono altre scelte oltre l’università, lo sapevi?) e ancor meno hai chiaro dove si collochino – e con quali caratteristiche – gli ITS, ti consiglio di leggere prima di tutto questo articolo: Scuole post diploma: è il momento degli ITS.

Anche noi di Education Marketing ne volevamo sapere di più e, per farlo, abbiamo deciso di conoscere da vicino queste realtà.

Lo scorso novembre siamo stati alla fiera di orientamento YOUNG in provincia di Como per aver l’opportunità di incontrare chi lavora in queste scuole. La Lombardia è la regione di Italia che conta il maggior numero di ITS, e alla fiera ne erano presenti una quindicina: abbiamo fatto il giro di tutti gli stand per fare due chiacchiere con ognuno!

 

Abbiamo conosciuto e parlato Elena Cecconello e Paola Guabello che curano la comunicazione dell’ITS TAM, Tessile Abbigliamento Moda, un istituto tecnologico superiore per professioni nel mondo del tessile-moda e dell’alta gioielleria. Abbiamo posto loro qualche domanda per cercare di capire come arrivano i ragazzi oggi a conoscere gli ITS, con quali idee e cercare di comprendere cosa queste realtà si aspettano da questa riforma.

 

Come vengono a conoscenza della vostra scuola i vostri studenti?

Nella maggior parte dei casi è il passaparola a portare nuovi iscritti. Segue la ricerca mirata su internet anche attraverso canali social, e inizia ad avere più peso anche l’orientamento svolto dagli insegnanti in classe.

 

Quali sono le attività che fate per farvi conoscere?

Come, cioè, riuscite a portare ragazzi interessati ai vostri corsi a contattarvi?

Oltre alla massiccia presenza ai saloni di orientamento, investiamo on line (soprattutto su siti di settore) e sui social, dove il nostro target è maggiormente presente; naturalmente siamo presenti anche sulla carta stampata con spazi pubblicitari e articoli mirati. Abbiamo poi due newsletter, una indirizzata ai ragazzi e un’altra dedicata alle aziende, altro stakeholder la cui collaborazione è fondamentale per la formazione dei nostri studenti; per questo siamo presenti anche alle maggiori fiere di settore (tessile) per mantenere i contatti con le imprese che ospitano i ragazzi in stage.

 

In quanti conoscevano già gli ITS prima di incontrarvi?

Cosa sapevano?

Purtroppo sono ancora pochi gli studenti prossimi alla maturità che conoscono gli ITS, nel nostro caso possiamo dire un 20% circa. In generale, i pochi informati sanno che si tratta di un corso post diploma con contenuti settoriali.

 

Come vi distinguete rispetto ad altri percorsi di studi post diploma?

Il nostro è un percorso che dà un titolo di studio riconosciuto (diploma EQF di V livello riconosciuto in Europa) e strettamente legato al mondo del lavoro, grazie alla proficua collaborazione con una fitta rete di aziende, che superano ormai quota 200 tra settore tessile e del gioiello. Questo, oltre ad agire in modo decisivo sulla professionalizzazione dei nostri studenti, garantisce un’occupabilità entro l’anno dal conseguimento del diploma, che supera il 90%.

Va detto inoltre che il TAM, come tutti gli ITS del Piemonte, è completamente gratuito, in quanto interamente finanziato dalla Regione Piemonte attraverso il Fondo Sociale Europeo.

 

Come questa attuale riforma potrà aiutarvi?

Cosa è cambiato o cambierà per voi rispetto a prima?

I corsi verranno valorizzati e l’offerta ampliata. Migliorate le risorse per l’organizzazione e la gestione dei corsi. Si potrà inoltre aspirare a un sesto livello EQF pari a una laurea triennale.

 

Di cosa pensi che gli ITS abbiano più bisogno?

Senza dubbio di essere maggiormente conosciuti dagli studenti in procinto di diplomarsi e quindi prossimi alla scelta post diploma, e in tal senso riteniamo decisiva una campagna di informazione capillare e mirata a livello nazionale.

Non perderti le ultime novità dal mondo Education!

Iscriviti alla nostra newsletter

Giulia Cattoni

Faccio quello che faccio da sempre: scrivo. Uso la scrittura per dare forma a pensieri e idee. Da piccola consumavo pagine e pagine per descrivere le mie avventure quotidiane sul diario, oggi uso il linguaggio per creare testi efficaci, contenuti digitali, e organizzarne la gestione. Mi piace trovare le parole giuste, mettere ordine ai testi e renderli chiari, e creare contenuti accessibili, piacevoli e utili. Faccio parte del team di Education Marketing Italia dal 2016: ho iniziato come autrice del blog e negli anni ho ampliato i miei ruoli. Oltre alla produzione e gestione dei nostri contenuti, affianco i miei colleghi nella gestione degli open day e nelle attività di design thinking. Dal 2023 mi occupo in prima linea della cura del nostro brand: dalle mie mani passano piani editoriali, articoli, post, newsletter, webinar e la strategia che li tiene insieme. Mi sono laureata in Comunicazione con una tesi sull'uso della lingua per l'infanzia, ho frequentato corsi sulla didattica emozionale e sulla robotica educativa. Sono stata istruttrice di pallavolo nel settore giovanile comasco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Host Consulting srl - Via F.lli Recchi, 7 22100 Como - P.IVA 01434150197 | © 2024 | Privacy Policy - Cookies Policy
expand_less