Parola alla classe: preparare questionari di fine corso

Come creare un questionario da sottoporre agli studenti alla fine dei corsi e delle lezioni a scuola per indagare l'umore dei vostri iscritti

5/5 - (2 votes)

Ci avviciniamo alla fine di lezioni e corsi ed è tempo di fare il bilancio sull’anno scolastico trascorso, indagare l’umore dei nostri iscritti, valutare dove abbiamo delle carenze e dove possiamo migliorare.

Per fare ciò è necessario dotarsi di uno strumento classico ma sempre molto efficace: il questionario.

Nell’articolo di oggi vogliamo darvi qualche veloce consiglio su come affrontare la questionario matita rossacreazione di un questionario da sottoporre agli studenti.

Il fattore determinante

Partendo dal presupposto che ci troviamo di fronte ad una situazione di normalità: studenti mediamente soddisfatti; discreta reputazione dell’istituto; discreta partecipazione alla vita della scuola; etc.

L’aspetto da tenere maggiormente in considerazione quando si decide di fare un’indagine di questo tipo è il questionario stesso: deve essere molto veloce da compilare, deve essere scritto semplicemente, non deve avere sentenze doppio negative, deve contenere solo domande necessarie.

Perché é importante

  1. Da agli studenti la possibilità di esprimere anonimamente le proprie opinioni sulla propria esperienza da studente, facendoli anche sentire parte attiva all’interno della vita scolastica;

  2. fornisce agli istituti informazioni molto importanti sulle loro “performance”;

  3. se pubblici, possono dare ai futuri studenti informazioni decisive quando dovranno scegliere cosa e dove studiare.

Come e cosa indagare

Dalla didattica al sito internet, dal rispetto delle regole fino alle attività extrascolastiche: sono questi alcuni degli aspetti che è possibile analizzare attraverso la somministrazione di questionari.

Possono essere analizzati singolarmente oppure tutti insieme: tutto dipende da quello che desideriamo indagare. Una analisi generale non permette di approfondire alcune tematiche. Di contro risulta essere molto interessante se non sono mai stati somministrati questionari di questo tipo. Viceversa una indagine approfondita (schema di domande ad imbuto) rischia di tralasciare alcune aspetti che invece meriterebbero attenzione.

Errori da non commettere

– Non conoscere approfonditamente il proprio target

– Fare domande non necessarie

– Fare troppe domande

– Fare due domande in una (es. valuta la preparazione e la disponibilità all’ascolto)

– Fare troppe domande aperte

Concludendo, è utile sottolineare che creare, somministrare ed analizzare un questionario sono operazioni serie che richiedono tempo e attenzione. Non è affatto consigliabile intraprendere una tale azione tanto per farlo, senza prendersi la briga di portare a compimento tutti i passaggi  necessari. Se non avete il tempo, il personale o le conoscenze da dedicare a una lavoro simile rivolgetevi a dei professionisti.

Non perderti le ultime novità dal mondo Education!

Iscriviti alla nostra newsletter

Matteo Favini

Socio fondatore e consulente senior di Education Marketing Italia. Mi occupo di Strategia di Marketing, analisi dei dati e progettazione di servizi digitali innovativi per le realtà scolastiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Host Consulting srl - Via F.lli Recchi, 7 22100 Como - P.IVA 01434150197 | © 2024 | Privacy Policy - Cookies Policy
expand_less