Intervista ad Elia Bombardelli, un docente su YouTube

Elia Bombardelli, giovane docente di matematica e fisica alle superiori e nel 2018 inserito dalla rivista Forbes Italia nella classifica 100under30

Vota questo post

Proseguiamo con la nostra serie di interviste, proponendovi oggi la nostra chiacchierata, svoltasi durante l’evento dello scorso marzo “Now: A scuola si può”, con Elia Bombardelli, giovane docente di matematica e fisica alle superiori e nel 2018 inserito dalla rivista Forbes Italia nella classifica 100under30: nel 2012 apre infatti un canale YouTube, contenitore per la rubrica “LessThan3Math”, dedicata a video lezioni di matematica che gli hanno portato, ad oggi, oltre 215.000 iscritti e 35 milioni di visualizzazioni complessive, in costante espansione.

 

 

Education Marketing Italia (EMI): Elia, raccontaci: com’è iniziata questa avventura che ti ha portato un seguito così importante?

Elia Bombardelli (EB): Quando ho cominciato ad insegnare (stavo facendo l’abilitazione), mi sono ricordato che anche io da studente avevo utilizzato dei video per preparare esercizi e mi son detto: “diamo un’occhiata per vedere se c’è qualcosa di matematica in italiano per le superiori” e ho visto che non c’era quasi niente. C’erano tanti siti buoni, tanti esercizi disponibili, ma pochissimo materiale video. Quindi è nata così: mi sono lanciato, ho provato a fare i primi video ed ho visto subito che il feedback sia studentesco che dei colleghi è stato positivo. Sono andato avanti nel tempo e adesso sono quasi sei anni: ma è un processo in divenire, continuo ad aggiungere dei tasselli.

EMI: Toglici una curiosità: quando entri in classe ti riconoscono?

EB: Beh, i miei studenti… certo che sì! Ogni tanto quando faccio delle supplenze mi associano subito al canale perché nella scuola si è un po’ sparsa la voce che sono “quello con il canale Youtube”. È capitato altre volte di andare a parlare in delle scuole dove mi invitano in assemblee di istituto a raccontare questa storia, e vedo che tanti ragazzi mi riconoscono ed è bello; spesso riconoscono più la voce, però! In realtà quello che vedi nel video è un slide sostanzialmente e quindi senti la mia voce: in qualche video io appaio ma nella maggior parte vedi proprio la lavagna virtuale.

EMI: Che gap hai trovato con docenti di vecchia scuola? Sei stato uno studente fino a poco tempo fa: che tipo di esperienze hai vissuto nel confrontarti con loro?

EB: Beh, sono in classe con alcuni miei ex professori: la scuola dove insegno quest’anno è quella dove ho studiato io da ragazzo e molti docenti li rivedo ora nei consigli di classe da pari invece che da studente, quando magari andavo per sentirmi dire come andavo e all’inizio era abbastanza buffo.

EMI: Ti vedono come un alieno con il canale Youtube?

EB: No, quello no! Devo dire che ero molto bravo, per cui avevano di me un buon ricordo. Non direi che c’è tanto un gap: vedo che ogni tanto alcuni di loro guardano queste cose, come i video che realizzo, con grande fascino perché sono magari un po’ distanti dal loro metodo. Ma non sono ostili, anzi: spesso mi chiedono informazioni con interesse e so di alcuni colleghi che consigliano i miei video, altri mi hanno proprio suggerito alcuni contenuti, e con qualcuno abbiamo provato a fare qualche esperimento insieme. Certo, c’è chi usa ancora più le lezioni frontali, che altri mezzi, ma non esiste un metodo giusto e uno sbagliato. Secondo me è vincente anche usare nuove metodologie; io vedo che mi consentono di fare cose che altrimenti non avrei il tempo di svolgere, però non per questo le lezioni frontali non mi piacciono: cerco di essere flessibile a seconda della situazione.

EMI: Tecnologia e flessibilità sono parole chiave: vanno viste di pari passo, nel senso che focalizzarsi solo sulla tecnologia è sbagliato, così come ignorarla.

EB: Sicuramente! Tra l’altro, io non ho pensato a queste cose come sostitutive, ma come uno strumento ulteriore a supporto delle cose che comunque avrei fatto. Lavorano bene in sinergia. È una cosa che dico ai ragazzi su Youtube: non è che basta il video, non li ho pensati così! Sono uno strumento di lavoro che condivido volentieri ma non sostituiscono tutto il resto; credo sia un’utile integrazione.

EMI: Sul nostro blog parliamo spesso di generazioni, della loro evoluzione visto che i docenti devono fare i conti con il cambiamento dei ragazzi. È evidente che mentre prima si potevano definire delle generazioni in decenni, adesso questi cambiamenti sono più veloci. Lo vedi questo gap nei giovanissimi?

EB: Sì, lo vedo. Mi fanno tante domande anche su questo mondo dei video, sui social, perché sanno che un po’ me ne occupo e lo vedi dalle persone che seguono i social, per cosa usano internet: in 5 anni è cambiato tantissimo. In prima superiore, che a me risulti, Facebook non esiste praticamente più: stanno tutti su Tik Tok e Instagram. Un po’ cerco di farli riflettere su queste cose e vedo che apprezzano. Un’altra cosa su cui c’è da lavorare con loro è dove trovare delle informazioni: anche lì, vedo che a scuola non sempre ti spiegano. Hanno un mondo, sempre lì con il telefonino, hanno accesso a tantissime cose che cambiano rapidamente, non tutte autorevoli, però non sempre a scuola viene spiegato loro come fare a filtrare le notizie: forse troppe volte la scuola è molto prudente sull’uso, perché è più facile dire “non li usiamo” che spiegare come usarli in maniera intelligente.

EMI: Magari la nuova generazione di docenti avrà una maggiore propensione all’uso di questi strumenti, perché li capisce, è cresciuta con essi.

EB: Sicuramente, ma secondo me anche il fatto che non sempre all’interno delle scuole i regolamenti sono chiari o vengono applicati in maniera chiara influisce. Ci sono situazioni in cui un docente non sa bene cosa fare e quindi gioca prudente: proibisce l’uso del telefonico, eppure ci sono strumenti validissimi, tante app splendide, ma tanti forse per non rischiare di mettersi nei guai, perché non conoscono magari cosa si può o non si può fare, si allontana dalla possibilità di utilizzarle. Però forse è vero, cambierà nel tempo con le nuove generazioni di docenti.

EMI: Che ne pensi di un evento come quello cui abbiamo partecipato: “Now: A Scuola si può”?

EB: A me è piaciuto molto: mi ha trasmesso tante idee, tantissimi imput. Secondo me la cosa bella di questi eventi è la quantità di idee che porti a casa, una specie di riassunto conoscitivo di tante cose, che poi ciascuno di noi seleziona, va a casa e approfondisce ciò che interessa.

EMI: Ti faccio un’ultimissima domanda: sul palco si sono tanti docenti, tante persone che come noi lavorano nell’Education; ma se ci fosse uno studente sul palco, cosa direbbe lui a noi?

EB: Secondo me farebbe una riflessione sul distacco che c’è a volte tra quello che sente raccontare a scuola e quello che fa parte della sua vita quotidiana. Io ho l’impressione che più che nel passato ci sia un po’ di scollamento tra i programmi scolastici che sono ancora di stampo molto tradizionale e sarebbe opportuno fare una riflessione se non sia il caso di cambiare un po’. Argomenti come le tasse, la gestione dei soldi, aspetti fondamentali della vita degli adulti, a scuola non esistono.

Poi i giovani magari esagerano con il dire che non imparano nulla di utile, ma è anche colpa nostra che non siamo tanto bravi a far capire che quello che insegniamo serve. Quindi sicuramente una delle “critiche” che uno studente potrebbe muovere è questa: “Di tutte queste cose anche belle che mi state dicendo, quante davvero mi serviranno in futuro?” Secondo me una riflessione va fatta e qualche cambiamento nei programmi o nelle cose che vengono proposte sarà opportuno farlo per il futuro.

Valeria Alinei

Professionista nel campo del Marketing e della Comunicazione. Grazie ad un background accademico internazionale, ha svolto ricerche in merito all’applicazione del marketing al settore dell’istruzione, a partire dal lavoro di Tesi magistrale dal titolo “Higher Education Marketing a supporto dell’internazionalizzazione delle Università”, che le è valso una Menzione Speciale da parte dell’AICUN - Associazione Italiana Comunicatori d’Università. Ha collaborato con l’Ufficio Marketing dell’Università Cattolica di Milano ed è - dal 2016 - una firma stabile del blog di Education Marketing Italia. Nel dicembre 2019 ha pubblicato con la McGraw-Hill il suo primo libro dal titolo "Education marketing. Strategie e strumenti per comunicare il valore nel mondo dell'istruzione".

Host Consulting srl - Via F.lli Recchi, 7 22100 Como - P.IVA 01434150197 | © 2022 | Privacy Policy - Cookies Policy
expand_less